• linkappucciato@gmail.com

Archivio mensileMarzo 2018

Speciale Pasqua

Le vacanze di Pasqua si stanno avvicinando per la gioia di tutti noi studenti. Tra uova Anffas, feste d’istituto e lettere di pasqua ci sarà da divertirsi.

Come ogni anno l’Anffas vende uova di pasqua al latte o fondenti a tutti gli studenti interessati. Il ricavato serve per sostenere questa storica associazione che da cinquant’anni si occupa dell’assistenza scolastica e non di disabili. Da anni questo progetto è ormai presente nella nostra scuola. Non solo fate una donazione per una buona causa, a avete anche un’occasione per fare festa in classe mangiando cioccolata e ridendo un po’.

Anche se penso sia difficile, considerando le foto dei rappresentati d’istituto con le orecchie da coniglio che sono state postate su qualsiasi social, sappiate che il primo aprile ci sarà l’Easter Party, festa al Palco 19 per il nostro istituto, l’Artistico, il Giobert, l’Artom e il Classico. Potete trovare le prevendite scrivendo a uno qualunque dei rappresentanti,quindi se non l’avete ancora fatto, tutti a prenderne una!! Grazie ai fondi raccolti con questa festa e la precedente (12 febbraio al Dietro le Quinte) si sta raccogliendo denaro per organizzare un ballo a fine anno riservato a tutti gli studenti del Monti e per poter invitare un ospite importante.

Per finire in bellezza non dimentichiamoci del punto dolente di queste vacanze: le lettere pasquali. Il parallelismo con le lettere natalizie è tutto tranne che casuale, entrambe sono portatrici di sventure pronte a ricordarti come sei andato scolasticamente nei mesi precedenti e a farti pensare a quanto dovrai studiare per recuperare tutto.

Superata questa nota negativa, rilassatevi, divertitevi e buone vacanze a tutti!

ndr: le uova dell’Anffas si possono ancora trovare nel loro centro (piazzale Giovanni Penna 4).

Articolo di Chiara Critelli

Disegno di Irene Costagliola

Oscar 2018: La forma dell’acqua

“La forma dell’acqua”, film tra la fantascienza e la fiaba, incentra la propria trama sul rapporto tra due isolati dalla società.
Il regista Guillermo del Toro ambienta l’opera nel 1962, in piena guerra fredda.

Il film evidenzia il clima di forte tensione e di discriminazione, sessista, razzista e xenofoba che caratterizzava la società americana dell’epoca.
La protagonista è Elisa (interpretata dall’attrice Sally Hawkins) ,donna affetta mutismo che lavora come inserviente in una base militare nei pressi di Baltimora.
All’interno dell’edificio è segregato un “uomo-pesce” di cui viene studiato il sistema respiratorio perchè si ritiene possa essere utile per le future missioni spaziali.
Questa creatura è perseguitata dal responsabile della sicurezza Strickland, che lo ritirne un’ eresia vivente nei confronti di Dio.
La nostra protagonista incontra il mostro, con cui si sviluppa un rapporto e al quale insegna il linguaggio dei segni. Decide così di ideare un piano per liberarlo e portarlo nel suo habitat originario. Si fa aiutare dai suoi amici Zelda, che lavora insieme a lei, e Giles, suo vicino di casa; entrambi sono rifiutati dalla società in quanto Zelda è nera e Giles è gay.

L’intreccio della storia è prevedibile, ma lo sviluppo dei personaggi e il modo in cui la storia viene narrata lasciano lo spettatore incollato allo schermo.
La comunicazione, sia tra il film e lo spettatore che tra i personaggi principali, è dettata da sguardi e silenzi, che riescono a trasmettere forti emozioni.

E’ per questo che il film riceve 13 nomination e riceve 4 premi Oscar come: miglior film, miglior regia, migliore colonna sonora originale, miglior scenografia.

Olimpiadi al femminile di Pyengchang

Nel mese di febbraio, più precisamente dal nove al venticinque, si sono svolte le ventitreesime olimpiadi invernali a Pyengchamg (Corea del sud), a cui hanno partecipato novantadue stati tra cui l’Italia.
L’Italia partecipa ai giochi con centoventuno atleti, di cui settantatre uomini e quarantotto donne, in quattordici discipline diverse.
Il nostro paese si è distinto maggiormente nel campo delle atlete femminili, in fatti tutte le medaglie d’oro conquistate appartengono a donne (tre medaglie d’oro in totale): Arianna Fontana nello short track 500m. femminile, Michela Moioli nello snowboard cross femminile e Sofia Goggia nello sci alpino discesa libera femminile.
In oltre, nelle medaglie di argento (due in totale di cui una a squadra),sempre tra le donne si sono distinte nello short track staffetta 3000m. conquistando la medaglia di argento: Arianna Fontana, Cecilia Maffei, Lucia Peretti e Martina Vallepina; per quanto riguarda gli uomini poco presenti in questa manifestazione Federico Pellegrino conquista la medaglia d’argento nello sprint 1,5Km. Maschile.
Nelle medaglie di bronzo (cinque conquistate in totale di cui una a squadra) troviamo la plurimedagliata Arianna Fontana che conquista il terzo posto nello short track 1000m. femminile e Federica Brignone nello sci alpino slalom gigante femminile, per quanto riguarda gli uomini Dominik Windischb conquista il terzo posto nel biathlon 1000km. Maschile, Nicola Tumolero nel pattinaggio di velocità 10000m. maschile, la squadra composta da Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Lukas Hofer, Dominik Windischb conquista il terzo posto nella specialità biathlon staffetta mista 2x6km.+ 2×7,5km.
Non c’è che dire, le donne in questa olimpiade si sono fatte valere, conquistando, su dieci medaglie totali, sei contro le tre maschili.
L’Italia in otre si posiziona dodicesima come medagliere.

Frenchy Vassarotti