• linkappucciato@gmail.com

Hallo Würzburg

Hallo Würzburg

Gli stage all’estero che la nostra scuola offre sono molti e vari.

Alcuni di questi viaggi ti permettono non solo di viaggiare in tutt’Europa, ma anche di poter migliorare una lingua straniera, di conoscere nuove persone, di esplorare posti nuovi e di poter fare esperienze utili per sempre.

Abbiamo pensato di prendere in considerazione tra i vari, lo stage, appena concluso, a Würzburg (nell’alta Baviera in Germania), riservato alle classi del Liceo Linguistico, che si svolge ogni anno.

Il viaggio, dalla durata di sei giorni, dal costo di circa seicento euro, prevede un soggiorno in una famiglia tedesca che fornisce vitto e alloggio. Prevede anche una visita guidata a Norimberga o a Bamberg.

In base alle classi si svolge un diverso programma: per gli alunni di seconda sono previste al mattino lezioni in tedesco, di cui una di tedesco; al pomeriggio si svolgono, invece, visite guidate, escursioni e giochi.

Per gli alunni di quarta è previsto un percorso formativo che apre uno sguardo sul mondo del lavoro e include lezioni teoriche, incontri con esperti, visite aziendali e ricerche sul campo, laboratori e workshop, valide come venticinque ore di alternanza scuola lavoro.

Ma quale può essere la vera esperienza di questi sei giorni di stage? Ci siamo fatti raccontare da Heidi Berxulli, alunna del linguistico, che ha partecipato al viaggio, la sua esperienza di questo stage in Germania:

 

Heidi, ti andrebbe di descriverci Würzburg?

A mio parere,Würzburg era una bella città piena di bei posti e di negozi, tutti i luoghi che abbiamo visitato erano affascinanti e molto diversi rispetto ad Asti.

 

Dal punto di vista linguistico, questo viaggio è stato utile?

Si, è stato molto utile dal punto di vista linguistico. Il primo giorno capivamo poco quello che ci veniva detto, però dopo due/tre giorni riuscivamo a capire qualcosa in più, perché dopo un po’ ti abitui ai suoni e riconosci alcune parole.

 

Avete dovuto soggiornare presso una famiglia estranea, com’è stata la tua esperienza?

Meravigliosa, la nostra famiglia è probabilmente il ricordo più bello che mi rimane. Erano due persone anziane che ci hanno accolto calorosamente. La sera a cena parlavamo parecchio di come avevamo passato la giornata oppure della nostra famiglia e di noi. Abbiamo anche giocato diversi giochi da tavolo con loro, alcuni tedeschi, altri più comuni (ad esempio Uno). Mi sono trovata davvero bene in quella casa.

 

Dopo la tua esperienza, consiglieresti questo viaggio ai tuo compagni del Linguistico?

Sicuramente consiglio questo stage a tutti, è stata una delle esperienze più belle che io abbia fatto, mi rimangono tanti bei ricordi, luoghi bellissimi e tante nuove amicizie fatte.

 

Gli stage all’estero sostenuti dalla nostra scuola, quindi, sono non soltanto utili da un punto di vista formativo ma anche adeguato per un accrescimento personale.

 

Ringraziamo Heidi per la disponibilità verso la redazione.

 

Francesca Vassarotti

linkappucciato

Invia il messaggio