• linkappucciato@gmail.com

Category ArchiveMusica

Musica dell’anima

Noi tutti i giorni ascoltiamo musica.

Di solito i nostri gusti variano dal pop al rock fino ad arrivare alla trap music, ma nessuno si accorge mai del genere classico.

Molti ragazzi al giorno d’oggi considerano la musica classica una cosa noiosa, una cosa su cui non ci si deve perdere tempo e che non va neanche considerata.

Nessuno si sognerebbe mai di andare ad un concerto dove tanti musicisti stanno solo seduti ad agitare le braccia con delle strane bacchette in mano.
Quando ascolto generi come il rock o il rap mi metto subito a ballare e mi distraggo molto facilmente; invece se provo a fare cose impegnative, come i compiti, ascoltando musica classica sono subito più serena.
Prova a sdraiarti con le cuffie o gli auricolari e metti un brano di Beethoven o Mozart o, se proprio non ti piacciono gli artisti conosciuti, ascoltane uno di Britten o Cajkovskij. Se ti concentri bene capirai quanto meraviglioso e complesso sia un pezzo di questi artisti.

È tutto un intrecciarsi di piani, forti, suoni squillanti di violini e suoni bassi da farti tremare le ossa. La musica classica è una sorpresa dopo l’altra: nessuno si aspetta che dopo un momento tranquillo si passi ad uno talmente movimentato da fare venire il capogiro e immergerti ancora di più in esso.
Nelle scuole medie la musica viene sottovaluta e definita “materia secondaria”; gli stessi genitori non attribuiscono un valore a questa materia.
La musica classica è anche utilizzata in campo medico: sono ormai milioni i bambini che, approcciando alla musica, migliorano sia le loro capacità mentali sia quelle fisiche.
E nonostante la musica circondi tutto il nostro mondo la maggior parte dei ragazzi non vuole o non può averne a che fare.
I ragazzi della nostra età dovrebbero capire queste cose e i professori dovrebbero incentivarne le passioni o farle nascere, perché e tutto un mondo da scoprire.

 

Laura Pucciarelli